News

Le valigie digitali

Le storie drammatiche di alcuni migranti, il loro viaggio sui barconi della morte per arrivare in Italia con la speranza di trovare un mondo migliore. Sogni, ricordi e desideri racchiusi nella scheda sim del loro cellulare che saranno raccontati in una suggestiva mostra intitolata “Le Valigie Digitali”.
L’esposizione, a cura dell’’Associazione Verso Laboratorio Interculturale, rientra nel programma del festival Siena Città Aperta e verrà inaugurato martedì 6 marzo alle ore 17 presso il Santa Chiara Lab dell’Università di Siena (via di Valdimontone 1). La mostra è il risultato di un percorso che ha coinvolto tante persone di origine straniera in un lavoro laboratoriale e partecipativo con artisti, antropologi e operatori sociali. Trenta le opere esposte tra foto, selfie, audio e video custoditi nella memoria dei cellulari e delle schede sim. Il Progetto ha attinto alle valigie digitali dei richiedenti asilo e rifugiati che vi hanno preso parte, provenienti da Pakistan, Nigeria e Ghana, al fine di sviluppare in modo collaborativo una nuova prospettiva sulle loro storie attraverso il lavoro artistico. “Le sim del telefono sono spesso l’unico oggetto che i migranti portano con sé durante il viaggio che li conduce in Italia – spiega l’associazione Verso Laboratorio Interculturale nel presentare l’iniziativa- . Il loro contenuto è la materia principale attraverso il quale ricordano il proprio percorso e costruiscono le proprie aspettative. La mostra aprirà varie “valigie” ai visitatori, assemblandone il contenuto in racconti sonori e visivi che ci condurranno lungo le rotte e le vite di chi le ha riempite”. La mostra, ad ingresso gratuito, sarà visitabile fino al 30 marzo 2018.

Comments are closed, but trackbacks and pingbacks are open.